Abbiamo programmato, abbiamo fotografato, abbiamo ascoltato, abbiamo giocato e sudato, abbiamo fatto a meno della tecnologia per qualche ora (scoprendo che possiamo sopravvivere lo stesso). Ci siamo appassionati, ci siamo scambiati opinioni, abbiamo mangiato sano e goloso, abbiamo camminato ogni giorno nel parco, siamo andati in gita all’Isola di Einstein, abbiamo fatto cose intelligenti in modo divertente.

Non ci siamo pentiti di aver detto qualche no, siamo contenti di aver raccolto molti sì. Abbiamo fatto quello che ci piace fare di più (i genitori) insieme al resto che ci piace fare di più (il Web) e l’abbiamo fatto con gioia, accoglienza, quel po’ di severità che serve per aiutare le giovani menti dei nostri innovatori a rendersi conto che la tecnologia è solo uno strumento: siamo noi a doverla controllare, non è lei a dover controllare noi.

Non abbiamo parole sufficientemente dense e grate quanto i nostri sentimenti per dirvi quanto è stato bello passare questi giorni con le vostre ragazze e i vostri ragazzi. Vederli accesi (luminosi) nell’atto creativo della costruzione di un loro videogioco, non riuscire a passare all’argomento successivo perché non la smettevano di fare domande sui Social Network, su Instagram, su quello che è meglio postare e dove sia più opportuno farlo e come… per noi è stato emozionante. Abbiamo volentieri seguito il loro improvviso e inaspettato entusiasmo per alcuni temi, dedicando il tempo necessario e cercando di costruire un rapporto di fiducia fra adulti e ragazzi.

Quindi grazie. A voi che ce li avete affidati e a loro che sanno ogni volta stupirci. Grazie di cuore a tutti.

Tutto questo è stato possibile perché la nostra insostituibile Rete di amicizia e professione, costruita in questi anni, ha funzionato:

Simona Zoo Angeletti grande artista e blogger che ci ha regalato il logo, l’abbiamo conosciuta in Rete e adesso fa parte delle più care amicizie!

Irene Biagini e Leonardo Alfonsi di Psiquadro, menti creative di tante iniziative meravigliose come L’isola di Einstein e la Notte dei ricercatori che ci hanno  accolto e promosso attraverso i loro canali e donato i gadget che sono tanto piaciuti alle ragazze e ai ragazzi.

A Francesca Pierotti e Chiara Burini, amiche e colleghe, che hanno messo a disposizione il loro cuore e la loro professionalità a darci forza.

Eugenia Franzoni, la cacciatrice di Pokemon più esperta del globo, che oltre a essere una dei mentor del Coderdojo di Perugia e nonostante la sua grandissima professionalità. ha saputo conservare il suo lato giocoso che ha conquistato tutti!

Luca Truffarelli, vero sensei della programmazione, che sa ascoltare e guidare nella creazione di giochi, cartoni animati, programmi… roba seria fatta col sorriso sulle labbra.

La Fatina Rossa (Antonella Manca), reginetta di Instagram, responsabile per l’Umbria per Instagramers – una delle community di fotografi e appasssionati di fotografia più importanti del pianeta – che ha incantato anche i più piccoli partecipanti al summer camp. Abbiamo scoperto dopo mesi di Web amicizia che era la nostra vicina di casa e ora ci porta pure i dolcetti dalla Sardegna!

Gabriele De Veris e Sandra Fuccelli i super bibliotecari che fanno della Biblioteca di San Matteo degli Armeni un posto magico. Un circolo virtuoso di iniziative e persone che riesce a dare un respiro internazionale ai temi cari della pace e della Solidarietà.

Luisa Scarpelloni, il vero pilastro dell’organizzazione che con determinazione e impegno si è spesa per tutti noi.

Francesco Duranti che come animatore ci ha aiutato a contenere i partecipanti più vivaci.

Valentina che ci ha accompagnato con risolutezza e sorriso all’Isola di Einstein.

La sfida era quella di fare qualcosa di grande con le nostre risorse cercando di dare il massimo con quello che era disponibile e che la Rete stessa ci ha offerto.

Abbiamo grandi progetti per il futuro – ma è il presente quello che ci interessa di più. Quindi se volete seguirci in questa folle corsa verso il Rinascimento digitale del nostro Paese, noi aggiorniamo sempre sulle nostre iniziative attraverso la newsletter di Web Genitori (ci si iscrive cliccando qui: http://eepurl.com/bJw6Bb), la pagina facebook, l’account twitter e Instagram.

A chi si è spalancata la passione per la programmazione e vuole continuare a usare, capire e approfondire Scratch, il modo più efficace è quello di dare un’occhiata a una delle iniziative che portiamo avanti dal 2015 a Perugia, ovvero il CoderDojo. Per non perdere gli appuntamenti del CoderDojo e per conoscere tutto quello che c’è da sapere sulle iniziative gratuite che lo riguardano, il metodo più efficace è sempre quello di iscriversi alla newsletter (cliccando qui: http://eepurl.com/bDZ_8r) e di seguire la pagina facebook o l’account twitter.

Il futuro è adesso.

Michela Angeletti e Marco Morello
WEB GENITORI
http://happynetperugia.it